12 febbraio 2010
E’ finito il tempo del “fai da te”

1L’uomo ha da sempre provveduto da sè al proprio luogo dell’abitare ed è quindi quasi normale che i professionisti del settore siano interpellati solo per i limiti imposti dalle normative e nei “casi disperati”: problemi impegnativi, disaccordo tra le parti o mancanza di tempo. Ed è giusto così, la casa ci deve appartenere e con tutti i sensi. Far da sè la propria casa non è un’invenzione dell’IKEA, questa ha solo sfruttato e stimolato una tendenza che c’è fin dai tempi in cui l’uomo abitava le caverne.
Ripeto, è giusto così, ognuno deve poter decidere l’esperienza che vuole vivere nel proprio habitat.
Diversa è la cosa quando si pensa di utilizzare lo stesso approccio per l’attività imprenditoriale, e mi riferisco principalmente al settore dell’ospitalità. Il rischio più frequente del “far da sé” in questo ambito è quello di mettere a fondamento del progetto esigenze di ordine diverso da quelle proprie dell’accoglienza.
Il budget, il proprio gusto, o il desiderio di esprimere la propria creatività sono tutti aspetti di cui si può e si deve tenere conto, mixati però in un processo di sviluppo ordinato di cui può occuparsi solo chi si trova alla giusta distanza di messa a fuoco e goda di un punto di vista privilegiato. Accade con una certa frequenza che questa figura sia individuata nell’azienda che andrà ad eseguire questa o quella opera, ma si sa o almeno si dovrebbe sapere che la naturalezza con cui quella risolve le cose è solo determinata dal suo orientamento produttivo, ovvero da ciò che è nelle sue possibilità e convenienze fare.
E’ così che capita di trovarsi in ambienti dove, ci sono apparati decorativi importanti e spesso costosi, ma di scarso confort, o altri in cui gli arredi anonimi e simili a tanti, sono distribuiti nello spazio così come si fa con le carte su un tavolo da gioco, o ancora altri dove la luce sembra quella della stanza degli interrogatori alla stazione di polizia. Soggiornando in queste stanze cosa colpirà: il bel colore del rivestimento del bagno o la mancanza di spazio dove appoggiare il beauty case? sarà il grande spazio a disposizione o la sua anonima e casuale occupazione? o la fastidiosa disarmonia dell’illuminazione?
La persona che viaggia, per affari o per turismo, con la famiglia o sola, non cerca più solo una stanza dove riposare. Che sia per una notte o per più giorni, cerca una nuova esperienza da vivere, non un bivacco dove sostare.
Oggi, con la rete, è quasi impossibile per un viaggiatore trovarsi di fronte a situazioni inaspetatte o sgradite, tutto è verificabile, i rischi quantomeno sono valutabili ed è possibile lasciare un feedback per quelli che verranno dopo. 
Un buon soggiorno non lascia il cliente solo soddisfatto, lo fidelizza e ne fa strumento di promozione, perché vorrà far conoscere a tutti le qualità di quel posto e l’esperienza vissuta, come pure vorrà evitare ad altri di viverla se spiacevole.

 

Autore: Antonio Catasta

>> Torna alla Home del blog

The new bookstore will also be accessible from the street
isabel marant boots Camel Is the New Black

Seth Rogen Uses Their Condition to Try to Improve His Sex Life
Isabel marant schuheWill Tattooed Barbie be a Bad Influence on Girls
The Real Reason To Look At Schlumberger NYSE
woolrich youtube some of the spring amongst ’84

The Real Reason To Look At Schlumberger NYSE
woolrich arctic parka damen sale some of the spring amongst ’84


Modatrading international s.r.l. P.IVA 00421360447 - info@cocalosclub.it        Web:Adami Design